Ti trovi in: Home / Bella Italia / Regione Lazio / Prov. RM / Roma / pantheon
Moduli Ricerca
scrivi una Città Italiana
Scegli la regione:


Calcola
il percorso per
Roma

Roma
Comune di

Roma


Cerca per nome art.:

PANTHEON

Il più bel resto dell'antichità romana è senza dubbio il Pantheon. Questo tempio ha così poco sofferto, che ci appare come dovettero vederlo alla loro epoca i Romani (Stendhal, Passeggiate romane).

pantheon Facciata e Interno con la cupola
Art. 61/lc07
Cat. Cultura
Città: Roma
Provincia: RM
Regione: Lazio
Maggiori informazioni vedi

Foto:
pantheon Facciata e Interno con la cupola
     

 

Il Pantheon ("tempio di tutti gli dei") è un edificio di Roma antica, costruito come tempio dedicato alle divinità dell'Olimpo. 

Gli abitanti di Roma lo chiamano amichevolmente la Rotonna, ("la Rotonda"), da cui anche il nome della piazza antistante. 

Fu fatto ricostruire dall'imperatore Adriano tra il 118 e il 128 d.C., dopo che gli incendi del 80 e del 110 d.C. avevano danneggiato la costruzione precedente di età augustea.

All'inizio del VII secolo il Pantheon è stato convertito in basilica cristiana, chiamata Santa Maria ad Martyres, il che gli ha consentito di sopravvivere quasi integro alle spoliazioni apportate agli edifici della Roma classica dai papi.

Il Pantheon fu venne interamente ricostruito da adrianeo sopra il distrutto Pantheon di Agrippa del 27-25 A.C. e si può ipotizzare che il tempio fosse stato inaugurato dall'imperatore durante la sua permanenza nella capitale tra il 125 e il 128. Secondo alcuni il progetto, redatto subito dopo la distruzione dell'edificio precedente in epoca traianea, sarebbe attribuibile all'architetto Apollodoro di Damasco.

Rispetto all'edificio precedente fu invertito l'orientamento, con l'affaccio verso nord. Il grande pronao e la struttura di collegamento con la cella occupavano l'intero spazio del precedente tempio, mentre la rotonda venne costruita quasi facendola coincidere con la piazza augustea circolare recintata che divideva il Pantheon dalla basilica di Nettuno. Il tempio era preceduto da una piazza porticata su tre lati e pavimentata con lastre di travertino.

L'edificio è costituito da un pronao collegato ad un'ampia cella rotonda per mezzo di una struttura rettangolare intermedia.

La cupola, del diametro di 43,44 m, è decorata all'interno da cinque ordini di ventotto cassettoni, di misura decrescente verso l'alto, tranne nell'ampia fascia liscia più vicina all'oculo centrale, di 8,92 m di diametro. L'oculo, che dà luce alla cupola, è circondato da una cornice di tegoloni fasciati in bronzo fissati alla cupola, che forse proseguiva internamente fino alla fila più alta di cassettoni. Una tradizione romana, vuole che nel Pantheon non penetri la pioggia per il cosiddetto "effetto camino": in realtà, è una leggenda legata al passato quando la miriade di candele che venivano accese nella chiesa, produceva una corrente d'aria calda che saliva verso l'alto e che incontrandosi con la pioggia la nebulizzava, annullando pertanto la percezione dell'entrata dell'acqua.

La realizzazione fu resa possibile grazie ad una serie di espedienti che contribuiscono all'alleggerimento della struttura, dall'utilizzo dei cassettoni, all'uso di materiali via via sempre più leggeri verso l'alto: nello strato più vicino al tamburo cilindrico abbiamo strati di calcestruzzo con scaglie di mattoni, salendo troviamo calcestruzzo con scaglie di tufo, mentre nella parte superiore, nei pressi dell'oculo troviamo calcestruzzo confezionato con inerti tradizionali, miscelati a lava vulcanica macinata.

All'esterno, la cupola è nascosta inferiormente da una sopraelevazione del muro della rotonda, ed è quindi articolata in sette anelli sovrapposti, l'inferiore dei quali conserva tuttora il rivestimento in lastre di marmo. La parte restante era coperta da tegole in bronzo dorato, asportate dall'imperatore bizantino Costante II, ad eccezione di quelle che circondavano l'oculo, tuttora in situ. Lo spessore della muratura si rastrema verso l'alto (da 5,90 m inferiormente a 1,50 m in corrispondenza della parte intorno all'oculo centrale).

Come esempio meglio conservato dell'architettura monumentale romana, il Pantheon ha avuto enorme influenza sugli architetti europei e americani (un esempio su tutti, Andrea Palladio), dal Rinascimento al XIX secolo, col Neoclassicismo. Numerose chiese, sale civiche, università e biblioteche, riecheggiano la sua struttura con portico e cupola. Molti sono gli edifici famosi influenzati dal Pantheon: in Italia si segnalano la chiesa del cimitero monumentale di Staglieno di Genova, la chiesa di San Carlo al Corso a Milano, la basilica di San Francesco di Paola a Napoli, il Cisternone di Livorno e il Tempio Canoviano a Possagno, la chiesa della Gran Madre di Dio e il mausoleo della Bela Rosin a Torino; nei paesi anglosassoni la rotonda del British Museum, la rotonda di Thomas Jefferson dell'Università della Virginia, la biblioteca della Columbia University, New York, il Jefferson Memorial a Washington D.C. e la biblioteca dello Stato di Victoria a Melbourne, Australia.

 


Tratto da: "Wikipedia, l'enciclopedia libera" del 24/10/2011 11:49:06
http://it.wikipedia.org/wiki/Pantheon_(Roma)

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con
licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.








Pubblicato da:

Di' che piace anche a te, prima di tutti i tuoi amici!!


copia il Link:


Stai visitando pantheon per le tue vacanze a Roma provincia di RM regione Lazio

[BellaItalia-vacanza.it non garantisce la validità dei contenuti dell'articolo.]


Per le tua vacanza a Roma prenota:
Desideri pubblicare un testo su altre straordinarie bellezze della Città di Roma da vedere, visitare e vivere.
Scrivi un articolo